Capire e toccare una donna, è davvero come fare un buon dolce?

Secondo circa 9 decimi, delle 87 donne con cui sono uscito prima di decidere di "vendere le mie prestazioni", ho un approccio, un modo di interagire e un tocco, totalmente inediti ed originali.

Prima di provare a farmi pagare non ero sicuro, ma che la manualità, la sensibilità e il tatto, acquisiti nel fare i dolci, abbinati al mio amore per le donne, mi avessero davvero regalato quell'insolita capacità di ascoltare, capire e stimolare le donne, mettendole perfettamente a loro agio, ed estraendo dal loro copro e (anche con un solo appuntamento), tutto il loro fascino nascosto, il loro carisma e delle qualità che nemmeno loro pensavano di avere e che le rendono immediatamente più affascinanti, desiderabili e sensuali agli occhi di ogni uomo che posa su di loro il suo sguardo.

Non so come sia potuto accadere...

Ma di fatto, sembra proprio che la pazienza e la sensibilità necessarie in pasticceria, unite alla mia naturale virilità, mi abbiano dato delle insolite ma sorprendenti capacità di essere lo specchio dei tuoi desideri emotivi e fisici più imboscati, ad un punto tale che, probabilmente, nemmeno tu (o un qualunque altro uomo), sei stata capace di capire fino in fondo, nè di sfruttarli a tuo vantaggio, per sentirti perfettamente a tuo agio con il tuo corpo nudo, mentre lo condividi con qualcun altro.

Scommettere qualche spicciolo, è un prezzo ridicolo, per scoprire se puoi davvero sentirti di essere libera come forse mai prima d'ora.

Capire e toccare una donna, è davvero come fare un buon dolce?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su
Translate »