Cercare il Gigolo giusto é una scelta di dignità sembra quasi un paradosso ma ,è proprio così. Per me è stato così.
Proprio perché volevo salvaguardare la mia dignità di donna,
sono arrivata alla decisione di cercare un Accompagnatore in un momento della mia vita in cui tutto andava male: vita privata e salute.
La malattia aveva avuto come conseguenza quella di annullare completamente la mia femminilità, il mio corpo non percepiva più niente , le uniche sensazioni che sentiva erano solo di dolore o sofferenza fisica.
La sessualità praticamente annullata. Non potevo rassegnarmi a tutto questo ,proprio no ,sono sempre stata una donna forte, era arrivato il momento di reagire e rialzarmi .
Benissimo , ma, da dove cominciare ? Solo il pensiero di ricominciare a interagire con un uomo, mi terrorizzava, pensavo di non esserne più capace.
Sono sempre stata riservata , timida e piuttosto insicura. Andare in giro per locali la sera
“a rimorchio” per me era impensabile poco dignitoso e ,per me ,umiliante.
Avere a che fare, magari, con uomini mediocri, volgari , che avrebbero potuto anche infastidirsi delle mie difficoltà e non rispettarmi, mi avrebbe bloccata ancora di più. Da qui allora la riflessione. Un Gigolo sarebbe stata la soluzione .Un Accompagnatore avrebbe rispettato i miei tempi, non avrebbe mai preteso da me niente che non volessi fare e mi avrebbe aiutata lentamente ad acquisire una nuova fiducia in me stessa .
Ad oggi sono convinta che sia stata la decisione migliore che potessi prendere.
In principio , per inesperienza , ho fatto qualche errore .
Ora , dopo aver conosciuto Steve e i suoi consigli penso che non li rifarei più .
La cosa più importante è cercare sempre l’Accompagnatore che per carattere e modi sia il più adatto a darci quei momenti di benessere e serenità di cui abbiamo bisogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.